Erezione. Da dove vengono i problemi di erezione?

problemi di erezioneIl 40% degli uomini sopra i 40 anni ha una disfunzione erettile. Di solito possono essere trattati. Ma gli italiani non dicono ai medici di questo problema.

Un uomo è un tipo di paziente completamente diverso. Non è mai malato, tranne che per l’influenza. La maggior parte di loro va dal medico quando la loro donna li trascina dentro. E per parlare del fatto che ha problemi di erezione? Mai! Inoltre, non tutti i medici lo chiederanno: “Come va la tua vita sessuale?

Il partner o partner di un uomo con disfunzione erettile può sentirsi corresponsabile del suo problema, pensare che non sono molto attraenti o che non possono soddisfare il partner. La cosa peggiore è che con il tempo gli uomini smettono di coccolarsi e baciarsi ed evitano situazioni che portano al letto. Alla fine, tutta l’intimità scompare.

Tuttavia, se guardiamo alla ricerca condotta dal Professor Zbigniew Izdebski e da Polpharma “Sexuality of Italians 2011″*, siamo soddisfatti della nostra vita sessuale. Circa l’80% degli intervistati sono molto soddisfatti, soddisfatti e piuttosto soddisfatti. Piuttosto insoddisfatto e molto insoddisfatto è solo il 9% di noi. Questa percentuale è quasi identica per entrambi i sessi.

Le donne hanno in media tre partner sessuali nella loro vita, gli uomini – il doppio. Un atto sessuale italiano statistico (dai preliminari alla fine del rapporto) dura 28 minuti, e il rapporto stesso – 13 minuti.

Pochissime persone dichiarano anche di non avere nessuno con cui fare l’amore. Solo il 4-6% di noi afferma di non aver fatto sesso nell’ultimo anno.

In base a ciò che sosteniamo, non siamo particolarmente confrontati con i problemi del letto.

Le preoccupazioni circa l’attività sessuale sono principalmente gravidanza indesiderata e l’infezione da HIV, il terzo posto (circa il 30 per cento degli intervistati) è l’ansia che non ci dimostreremo sessualmente. Gli uomini più spesso ammettono che durante il rapporto sessuale le loro prestazioni sessuali saranno valutate. Tuttavia, il più anziano degli intervistati (40-49 anni) lo temeva meno spesso. Secondo il Prof. Izdebski, può indicare che gli intervistati in questo gruppo di età cercano di mascherare e razionalizzare i loro problemi sessuali (ad esempio problemi di erezione). Oppure non si concentrano sull’emanazione della sessualità.

Se gli intervistati hanno indicato difficoltà a fare sesso, il più delle volte sono stati collegati alla fatica, allo stress o al benessere fisico.

Il problema dell’erezione incompleta è stato indicato solo dal 5,5% degli uomini esaminati! E solo il 9% di loro ha cercato aiuto durante i 12 mesi prima dell’esame.

Ben l’88% degli intervistati ritiene che la propria forma fisica sessuale sia almeno “piuttosto buona”. Ma queste non sono solo dichiarazioni, se la pratica medica (e anche gli esami) dimostrano che ci sono molti uomini che hanno problemi in camera da letto? E per di più, questo numero sta crescendo, allargandosi di giovani e giovani.

Quasi tutti gli uomini a volte hanno difficoltà ad ottenere o mantenere un’erezione. Tuttavia, 125 milioni di uomini (16% di tutti gli uomini nel mondo) di età compresa tra i 20 e i 75 anni hanno problemi di questo tipo su base permanente. Si stima che entro il 2025 questo numero salirà a 322 milioni. Oggi, il 40% degli uomini sopra i 40 anni ha una disfunzione erettile. È confortante che nella stragrande maggioranza dei casi possono essere trattati!

Pianificazione sessuale

Oltre all’imbarazzo prima di parlare con il medico, è importante anche la soddisfazione per il trattamento. Le terapie richiedono più o meno la pianificazione dei rapporti sessuali, di giorno e persino di ora. E’ stressante. Ed è spesso la ragione per cui gli uomini hanno abbandonato le cure.

C’è uno scherzo: un uomo esce con una donna ad un appuntamento, offrendole un film e poi una cena. Ma quando legge nell’opuscolo che è necessario prendere il loro dosaggio due ore dopo un pasto e un’ora prima del rapporto sessuale, chiama per cambiare l’ordine – prima la cena, poi il cinema.

Vale la pena ricordare che esistono metodi per migliorare l’erezione utilizzando farmaci comprovati. Molti italiani hanno già iniziato ad utilizzare prodotti come Eron Plus. Ricorda che puoi controllare il prodotto su https://myfititaly.it/potenza/eron-plus/. Se avete intenzione di migliorare la vostra vita sessuale, sarà una buona scelta.

Qualche anno fa, una novità è stata l’introduzione sul mercato di un vecchio e nuovo farmaco che ha risolto molti di questi problemi.

Vecchio, perché è un noto vardenafil. Nuovo, perché ha una formula innovativa. La compressa si scioglie sulla lingua in pochi secondi, in modo da non dover bere nulla. Il farmaco viene assorbito in bocca (si può baciare), quindi non ci sono restrizioni sui pasti (nessuna pianificazione della cena). Funziona dopo 15-20 minuti (in modo simile alle comuni compresse rivestite, ma i pazienti la percepiscono come più veloce) per 4 ore.

Il problema maggiore per gli uomini italiani è che non curano affatto. Né le malattie di base, che hanno causato la disfunzione erettile, né i farmaci che sostengono l’erezione stessa. Eppure la sessualità ha un enorme impatto su altre sfere della vita. Come afferma il professor Izdebski: “Le frustrazioni sessuali possono non solo portare a disturbi nei rapporti con un partner o nell’ambiente sociale, ma possono anche essere un motivo per assumere comportamenti sessuali a rischio”.

La situazione è quindi di stallo. Da un lato, gli uomini non trattano le cause della disfunzione erettile e, dall’altro, il sesso è importante per noi. Il 63% degli italiani e il 50% degli italiani dichiara che per loro è sicuramente importante o importante.

Gessica

23 Comments

  1. Agra is a city on the banks of the Yamuna river in the Indian state of Uttar Pradesh. It is 206 kilometres south of the national capital New Delhi. Agra is the fourth-most populous city in Uttar Pradesh and 24th in India. Giralda Felizio Proulx

  2. I really like looking through a post that will make men and women think. Also, thank you for allowing for me to comment! Avrit Tyler Sofko

  3. Et harum quidem rerum facilis est et expedita distinctio. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime placeat facere. Camellia William Ladew

  4. Everything is very open with a very clear description of the issues. It was truly informative. Your site is useful. Thanks for sharing! Brandice Wilton Sophi

  5. Hey there. I found your website by the use of Google at the same time as searching for a related subject, your website got here up. It appears good. I have bookmarked it in my google bookmarks to visit then. Cherri Tull Gabbey

  6. I would like to thank you for the time you have made in writing this blogpost. I am hoping the same top-quality work from you in the future as well. In fact your creative writing skill has inspired me to get my own blog now. Really the blogging is spreading its wings rapidly. Your write up is a good example of it. Gladi Weber Amatruda

  7. hello!,I really like your writing so so much! share we be in contact more approximately your post on AOL? I require a specialist in this space to unravel my problem. May be that is you! Looking forward to see you. Kessia Malchy Maddy

  8. Awesome post. I am a normal visitor of your website and appreciate you taking the time to maintain the nice site. I will be a frequent visitor for a really long time. Luciana Shalom Urbanus

  9. After looking over a few of the blog articles on your site, I truly like your technique of writing a blog. I bookmarked it to my bookmark webpage list and will be checking back in the near future. Please check out my website as well and tell me how you feel. Phyllys Hube Wattenberg

Rispondi a Ernestine Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *